LA CENA DEI CRETINI

  • In Offerta
  • Prezzo di listino €28,00
Imposte incluse.


 VENERDI 25 NOVEMBRE 2022 - ORE 21

LA CENA DEI CRETINI

DI FRANCIS VEBER

con Nino Formicola, Max Pisu,

Gaetano Callegaro, Claudio Intropido, Alessandra Schiavoni

traduzione di Filippo Ottoni - regia Nino Formicola

Cosa succede quando due mattatori teatrali calcano il palcoscenico in una delle commedie più famose e irriverenti?! Nino Formicola sta preparando la cena. Max Pisu sarà la sua vittima… Pronti ad assistere a La cena dei cretini?!

Siamo in Francia, nella Parigi bene. Ogni mercoledì un gruppo di amici, stanchi ed annoiati, organizza una cena speciale a cui vengono invitati personaggi ritenuti stupidi per riderne e farne beff per tutta la serata. Gli invitati sono ignari del “gioco” e che la cena sia denominata “La Cena dei Cretini”. Ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta… Il “cretino” Francois, invitato dal brillante Pierre, ribalterà la situazione, passando da vittima a carnefie. Riuscirà infatti a creare una serie infinita di problemi a Pierre, arrivando persino a mettergli in crisi il matrimonio. Il tutto in un crescendo di gags, malintesi e situazioni comiche paradossali ed esplosive. Il capolavoro di Francis Veber torna a divertire le platee di tutta Italia con due protagonisti d’eccezione. La cena dei cretini è stata scritta negli anni Novanta dall’autore francese, diventando un vero e proprio cult dopo la trasposizione cinematografia del 1998, con regia dello stesso Veber.

Una trama semplice, ma di grande impatto comico, come si addice alle commedie più riuscite. Questo testo è magico. È uno dei pochi spettacoli che il pubblico all’uscita consiglia agli amici di andare a vedere. È una macchina comica perfetta, il “cretino” che come un elefante in un negozio di cristallerie distrugge la vita alla carogna che voleva farsi beff di lui, unita a un risvolto tenerissimo che porta a un fiale inaspettato. Chi non l’ha mai vista ha l’obbligo di venire a veder una delle commedie più divertenti mai scritta. Chi l’ha già vista torni a rivederla, perché questo testo consente ai comici, quella cosa che il pubblico ama di più, l’improvvisazione.